Runner in vista fa il pieno di premi!

Il progetto Runner in Vista ha ricevuto il premio più prestigioso nell’ambito dei Centri Commerciali!
In occasione del CNCC Italy Awards, l’appuntamento annuale per i Centri Commerciali italiani, Runner in vista si è aggiudicato il Best of the Best e Best of Category!

Noi ne siamo davvero felici ed orgogliosi, ma il merito è soprattutto vostro, che con il vostro sostegno ci avete permesso di raggiungere questo grande risultato!

Continuiamo a correre insieme!

 


“AD UN PASSO DALL’ORIZZONTE” PRESENTATO A VENEZIA!

Martedì è stata una giornata memorabile ed emozionante per tutti noi: siamo stati al Lido di Venezia, in occasione della 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, per presentare ufficialmente “Ad un passo dall’orizzonte”, il documentario che racconta la storia di Asia, bambina ipovedente testimonial di Runner in Vista.

Ci teniamo a ringraziare di cuore tutti i presenti, ma anche e soprattutto voi amici runner, che siete stati il cuore – o meglio, i polmoni! – di questa grande charity run.


RUNNER IN VISTA: 14 MILIONI DI PASSI FATTI INSIEME

Siamo partiti il 6 maggio da Roma, e dopo oltre 12.000 chilometri siamo arrivati a Gravellona Toce, l’1 luglio, passando da città bellissime, insieme a stupende persone conosciute tappa dopo tappa, passo dopo passo.

In questi ultimi mesi abbiamo corso, camminato, riso e, insieme, ci siamo anche emozionati.
Quando l’idea di Runner in Vista ha iniziato a girarci per la testa, non pensavamo di arrivare a tanto: noi avevamo solo voglia di correre e condividere un’esperienza, ma voi ci avete dato molto di più. Ogni volta che leggevamo i messaggi su Facebook capivamo che grazie a voi stavamo raggiungendo un grande risultato, e così è stato.
Siete stati oltre 2000 runner a sostenere il nostro progetto, per un totale di più di 10.000 euro raccolti che sono stati interamente devoluti all’UICI. Più di 600 persone tra volontari e amici hanno permesso che ad ogni tappa tutto potesse andare nel modo migliore, garantendo sicurezza, organizzazione e anche divertimento.

Tutto questo fa emozionare, perché vedere un progetto nobile e innovativo come Runner in Vista coinvolgere così tante persone in tutta Italia, arrivare persino in Vaticano a consegnare il pacco gara direttamente nelle mani del Santo Padre, ascoltare storie di vite incredibili che regalano ancora più forza, è una soddisfazione immensa, e non può fare altro che aumentare la nostra voglia di correre!

Il nostro tour si è concluso, ma tutti noi continueremo ad impegnarci affinché anche chi non vede possa vedere quanta energia riescono a creare migliaia di persone unite da un solo laccetto.

Ringraziamo lo staff della società Savills Larry Smith Italia e in particolar modo le Direzioni dei Centri che, come dei veri runner, hanno corso insieme a noi questa splendida “maratona” della solidarietà credendo fin dall’inizio in questa idea, finanziandola interamente.

Un ringraziamento speciale va a tutti voi che ci avete sostenuto e che avete partecipato, ed in particolare grazie a:

Amatori Pomezia

Area Comunicazione SPES

Asd Acido Lattico

ASD Gravellona VCO

ASD Podistica Pomezia

ASD Poligolfo

ASD Pomezia

ASD Viterbo Runners

Associazione Carabinieri Teramo

Associazione Carabinieri Vimercate

Associazione Thyrrenum

Atletica Campi

Atletica Signa

AVPS Vimercate

Banco di Sardegna

Birra 32

C.S.O di Scandicci

Carabinieri in congedo – Sezione di Teramo

Carabinieri in congedo Vimercate

Centro Commerciale Continente Mapello

Centro Commerciale Gran Sasso

Centro Commerciale I Gigli

Centro Commerciale I Granai

Centro Commerciale Itaca

Centro Commerciale Le Isole

Centro Commerciale Roma Est

Centro Commerciale Sedici Pini

Centro Commerciale Tanit

Centro Commerciale Torri Bianche

Centro Commerciale Tuscia

CIP

Cirio

CISOM Sassari

Cives – Protezione Civile Teramo

Clinica oculistica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi

Comitato Regionale Toscano dell’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità

Comune di Brembate di Sopra

Comune di Campi Bisenzio

Comune di Formia

Comune di Gravellona Toce

Comune di Mapello

Comune di Pomezia

Comune di Sassari

Comune di Teramo

Comune di Vimercate

Comune di Viterbo

CONI

CRI Teramo

CRI Viterbo

Croce Rossa Italiana – Comitato di Teramo

Croce Rossa Italiana – Comitato di Viterbo

Da Ran ClabDecathlon Sassari

Forhans Team

G Club Torribianche

GCube

Goji Clownterapia Viterbo1

GP Teramo

Gruppo Podisti ARCI Mapello

Gruppo Podistico Caprino

Guardia Nazionale Sardegna

Guardia Nazionale Sassari

Hdrà

Image Sporting Club

Ipercoop Mapello

Larus

Mai Tai

Mamme di Pomezia

Maratona di Roma

MPS Sassari e Olbia

Msp Sassari

Orto Botanico Angelo Rambelli

Podistica Pomezia

Polizia Municipale di Sassari.

Polizia Municipale di Teramo

Polizia Municipale di Viterbo

Pro Loco Pomezia

ProLoco Roma

Protezione Civile CIVES

Protezione Civile Formia

Protezione Civile Viterbo

Santal

Scuola Sarda del Cammino

Sport Specialist

ToBe

Torrisport

Trend In Motion

Tuscia Events

Tuscia Viterbo Protezione Civile,

Tutti i volontari

UICI

UICI Monza

UICI Novara

UICI Teramo

UICI Viterbo

UISP

Università degli Studi della Tuscia – Facoltà di Agraria

Valeas Club

Viterbo Con Amore

Volontari Emergenza Radio Sud Pontino


UN NUOVO SPECIALE SPONSOR PER RUNNER IN VISTA

Gli amici e i sostenitori di Runner in Vista sono sempre di più!
Alla nostra squadra di sponsor si è unito il birrificio 32 Via dei birrai, che ha realizzato la prima bottiglia di birra pensata anche per i non vedenti. La scritta in braille “birra 32”, infatti, è in rilievo direttamente sul vetro della bottiglia, rendendola quindi immediatamente accessibile e riconoscibile a tutti grazie al solo tatto.
32 Via dei birrai ha deciso di rinnovare le sue bottiglie a beneficio dei non vedenti che, trovandosi in mano una bottiglia chiusa, oggi non sono in grado di riconoscerne il contenuto: una piccola ma innovativa accortezza, fondamentale per rendere semplice un gesto che dovrebbe essere banale per tutti.

“Ho voluto creare questa bottiglia perché ho vissuto da vicino la difficoltà della cecità – racconta Loreno Michielin, co-fondatore e responsabile commerciale – Ho un mio carissimo amico non vedente e mi ha sempre colpito il fatto che ogni gesto per me scontato, come scegliere una bottiglia, per lui possa rappresentare una sfida pressoché insormontabile. Questo è il mio piccolo contributo per aiutarlo. Siamo sensibili alla tematica, infatti siamo impegnati anche in altri progetti a sostegno dei bambini non vedenti”.

“Consapevoli che la birra non è solo convivialità e degustazioni, – continua Loreno Michielin – ci è parso naturale sostenere un progetto come Runner in Vista con cui condividiamo l’attenzione al tema dell’accessibilità.”

Così il birrificio 32 Via dei birrai e Runner in Vista si uniscono ad ogni tappa, ognuno portando il proprio “piccolo contributo” per una causa comune: la completa accessibilità per tutti.

Troverai 32 Via dei birrai ad ogni traguardo!


IL GRUPPO DI LAVORO OSI

Il Gruppo di lavoro OSI si occupa di dare supporto tecnico all’interno dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Questo significa accompagnare e sostenere l’UICI durante le sfide tecnologiche quotidiane, per rendere il web, ma anche i dispositivi mobili, le APP, accessibili anche alle persone non vedenti e ipovedenti. Un ruolo molto importante e assolutamente attuale, che ha fatto sì che anche Runner in Vista potesse avere un sito accessibile.

Abbiamo parlato con Massimiliano Martines, Responsabile operativo del gruppo di lavoro: “Rendere un sito accessibile significa dare a tutti la possibilità di usufruire di un dato, di una notizia o di un servizio, indipendentemente dalle abilità fisico-sensoriali dell’individuo. Di conseguenza la tecnologia utilizzata dovrà essere in grado di supportare le tecnologie assistive eventualmente utilizzate.
Esteticamente il sito, il portale o l’app, non vengono modificati quando sono accessibili. Ciò che cambia è ciò che sta “sotto il cofano”, che deve rispondere a requisiti specifici e cioè quelli dettati dalla legge 04/2004, conosciuta anche come legge Stanca e successive modificazioni, mentre dal punto di vista tecnico ci si basa su standard e protocolli di programmazione internazionali WRICAG 2.0”.

In Italia da questo punto di vista di passi in avanti ne sono stati fatti rispetto agli scorsi anni, ma ancora c’è tantissimo da fare: “Se si progettasse tutto secondo il “design for all” non avremmo bisogno di aggiungere nulla, perché ognuno di noi, indipendentemente dal tipo di abilità o condizione avrebbe la possibilità di accedere senza alcun ostacolo. Purtroppo non è così.
A mio avviso bisogna agire su due fronti: su quello culturale e formativo e su quello dei costi. Dovrebbe esserci una costante formazione all’interno degli stessi disabili visivi e non; il continuo aggiornamento delle tecnologie costringe i primi ad essere sempre pronti ad usare nuove versioni di ausili e sistemi operativi, mentre i secondi – e più specificatamente coloro i quali devono programmare siti – troppo spesso non conoscono l’argomento ed ignorano le potenzialità che un disabile della vista può esprimere davanti a un computer, un tablet o uno smartphone. Ancora una volta la formazione gioca un ruolo cruciale.
Per quanto riguarda il tema dei costi, invece, spesso le tecnologie assistive sono molto care, anche se oggi vi sono alcune soluzioni open source sufficientemente mature. Ovviamente qui si tratta magari di incoraggiare la loro diffusione, in modo che tali esperienze possano avere un futuro. In questo modo il disabile avrà la possibilità di scegliere secondo le proprie esigenze e disponibilità, avendo la garanzia di una qualità ed affidabilità dell’ausilio”.


PRESENTATO A ROMA RUNNER IN VISTA

Ieri, giovedì 27 aprile, è stato presentato il progetto di Runner in Vista, in una conferenza stampa che ha visto la presenza di tanti giornalisti ed autorità.

Ad aprire i lavori Christian Recalcati, Amministratore Delegato Larry Smith Italia, società che gestisce gli undici centri commerciali coinvolti e tra i promotori dell’iniziativa. “L’evoluzione delle gallerie commerciali ci porta da tempo a impegnarci anche nel sostegno di iniziative legate ad azioni di charity, nonché di valorizzazione e scoperta dei territori. I Centri Commerciali non sono solo più un punto di riferimento per lo shopping, ma realtà oramai più complesse e articolate, che cercano di soddisfare esigenze anche di carattere ecologico, sociale e culturale dei propri visitatori con iniziative e servizi dedicati. Runner in vista è un progetto innovativo, coinvolgente ma anche divertente, capace di unire persone di ogni età per un obiettivo davvero nobile: sensibilizzare per un mondo vivibile e accessibile a tutti, anche ai non vedenti. E siamo davvero orgogliosi di essere tra gli ideatori e sviluppatori di questo evento”.

Mario Barbuto, presidente nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, intervenendo in collegamento ha portato i suoi ringraziamenti. “Grazie a questo progetto si contribuisce a migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità visiva in Italia. Le risorse raccolte ci permetteranno, infatti, di sviluppare un’intensa azione di promozione delle attività fisiche, motorie e sportive per tutte le persone non vedenti e ipovedenti e a realizzare progetti sportivi che risultano particolarmente preziosi per assicurare uno sviluppo armonico e integrale della personalità e della crescita”.
Con questa iniziativa saranno finanziati in particolare i progetti del programma Esplora realizzato dall’UICI che, attraverso attività sportive ed esplorative, aiutano bambini e ragazzi con disabilità visiva ad acquisire una maggiore consapevolezza dell’ambiente circostante e a raggiungere indipendenza ed autonomia.

Emilio Mori, Senior Account di Proxima spa, nel suo intervento ha sottolineato come “I progetti più straordinari sono quelli che nascono dai sogni e dalle passioni. Lo sport, l’amore per il proprio territorio e la solidarietà sono stati i concetti primari a cui ci siamo ispirati per ideare e realizzare Runner in Vista. Un grande lavoro di squadra fra Proxima, Larry Smith Italia, l’UICI, le istituzioni locali e le decine di associazioni di volontariato presenti nelle città coinvolte. Lavorare a quattro mani con il cliente ad un progetto che abbia l’ambizione di lanciare un messaggio di solidarietà e regalare a dei bambini non vedenti la possibilità di costruirsi un futuro migliore, sono le cose che più amiamo del nostro mestiere”.

A portare i saluti del CONI, Fabio Pagliara Segretario Generale FIDAL, Federazione Italiana di atletica leggera “La cosa più bella dell’atletica è che unisce. Ecco, la corsa è democratica: bastano un paio di scarpette per correre. Per questo, quando ci sono iniziative di alto profilo sociale, noi ci siamo. A partire da Runner in vista, i prossimi mesi sono ricchi di appuntamenti importanti: il 22 maggio saremo alla corsa del ricordo a Palermo per i 25 anni della strage di capaci e il 17 settembre con il comune di Roma e il Vaticano organizzeremo la mezza maratona di Roma via Pacis, un collegamento simbolico fra le tre religioni  con una corsa.”

La conferenza stampa di presentazione è stata anche l’occasione per illustrare l’accessibilità del nostro sito, un sistema replicabile in altre realtà e contesti, ha sottolineato Vincenzo Zoccano Coordinatore del Gruppo di lavoro OSI, l’Osservatorio dei siti internet dell’UICI nato per affrontare le sfide della tecnologia e dell’accessibilità, non più legate solamente al web, ma anche ai device, alle APP e ai wearables. “Il sistema ideato garantisce la possibilità di ottenere siti accessibili ai disabili visivi e non solo e dimostra ancora una volta che non è necessario costruire un sito ad hoc, ma che le persone con disabilità possono utilizzare un sito “standard” se opportunamente progettato” conclude Zoccano “un sito accessibile, esteticamente accattivante e senza costi aggiuntivi”.


IL CAMPIONE STEFANO BALDINI CON RUNNER IN VISTA

Anche il campione olimpico Stefano Baldini sostiene il nostro progetto!
“Lo sport deve essere di tutti e per tutti”, ha detto il grande maratoneta, e le sue parole descrivono in modo semplice e diretto l’obiettivo di Runner in vista: avere un mondo senza alcuna barriera.

È una grande soddisfazione avere tra noi un atleta come Stefano.
Con lui, già tanti altri campioni hanno dimostrato il loro sostegno a Runner in Vista, unisciti anche tu alla nostra squadra!


RUNNER IN VISTA ALLA MARATONA DI ROMA

Negli scorsi giorni eravamo in trasferta al Marathon Village di Roma per fare conoscere il nostro progetto ad un grande pubblico di appassionati sportivi.
Da giovedì 30 marzo a sabato 1 aprile, infatti, siamo stati presenti con il nostro stand per raccogliere le prime iscrizioni e per raccontare a tutti gli interessati i dettagli del progetto.

Inoltre, si è svolto l’incontro di presentazione.
Sul palco eravamo in tanti: Vincenzo Zoccano, membro del direttivo nazionale UICI, Yashar Deljoye Sabeti, responsabile marketing Larry Smith Italia, Emilio Mori, senior account Proxima spa, e due ospiti d’eccezione, Giorgio Calcaterra, campione del Mondo Ultra maratona e Hubert Perfler, campione paraolimpico Goalball.
“Runner in vista – ha spiegato Emilio Mori, Proxima spa – è un tour di undici camminate non competitive di 5 chilometri, che hanno come punto di inizio e di arrivo undici Centri commerciali lungo tutta l’Italia. Ci rivolgiamo a tutti, senza distinzioni, perché il nostro obiettivo è proprio questo: sensibilizzare verso un mondo che non escluda nessuno”.
Ha continuato Yashar Deljoye Sabeti, di Larry Smith: “La forza del progetto è quella di non essere semplicemente una donazione a una Onlus, ma di essere anche un’esperienza che chiunque può provare in prima persona. Runner in Vista è l’unione tra coinvolgimento, divertimento e sensibilizzazione, ed è la dimostrazione di ciò che noi e l’UICI ci auspichiamo di poter fare: avere un mondo accessibile anche ai non vedenti”.

L’entusiasmo è stato davvero tanto, ed è proprio ciò che speravamo di ricevere dal pubblico della Maratona di Roma, per potere iniziare il nostro tour con tutta la carica e l’energia necessaria!

Ne approfittiamo per ringraziare tutti coloro che sono passati al nostro stand per conoscerci, salutarci, per iscriversi, e concludiamo con un invito speciale, dedicato al vincitore della Maratona: ti vedremo a una delle prossime tappe? 🙂


IL PROGRAMMA ESPLORA

Runner in vista devolverà tutti i fondi raccolti all’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, per sostenere la mobilità e l’autonomia dei disabili visivi, nella convinzione che sia fondamentale vivere in un mondo accessibile a tutti.
In particolare, insieme a voi sosterremo i progetti del Programma ESPLORA.

Di cosa si tratta?

ESPLORA si inserisce in un progetto più ampio dell’Unione, un progetto che lavora per la creazione di luoghi accessibili a tutti e che permettano a tutti di avere la libertà di esplorare il mondo e svolgere attività in modo indipendente.
Tutto il ricavato servirà per finanziare campus per bambini non vedenti e ipovedenti, per aiutarli ad acquisire consapevolezza del mondo che li circonda, anche attraverso l’attività sportiva.

Se vuoi aiutarci, c’è un modo molto semplice per farlo:
scegli la tappa più vicina a te, clicca su “iscriviti” e dona subito 5 euro! Riceverai il pacco gara contenente la maglietta, il nastrino e lo scaldacollo personalizzati.
Diventa anche tu testimonial Runner in vista!


RUNNER IN VISTA PER UICI

Con Runner in vista abbiamo scelto di sostenere l’azione dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti.
Ma che cos’è l’UICI?

L’UICI nasce il 26 ottobre 1920 grazie ad un gruppo di non vedenti guidati da Aurelio Nicolodi, un giovane ufficiale trentino che aveva perduto la vista durante la Prima Guerra Mondiale, con l’idea di emancipare tutti i ciechi d’Italia.
Da quel giorno i valori dell’associazione non sono mutati: dignità, coesione, credibilità, uguaglianza e luce, questi i principi fondamentali che hanno portato UICI a diventare un punto di riferimento per le persone cieche e ipovedenti su tutto il territorio nazionale.

Scopo dell’Unione è raggiungere la piena integrazione delle persone con disabilità visiva nella società, attraverso azioni volte a sostenere la mobilità, l’autonomia dei non vedenti e la creazione di luoghi accessibili che donino loro la libertà di esplorare e svolgere una vita indipendente.
Il cane guida e il bastone bianco, i percorsi guidati e le mappe tattili sono alcuni degli strumenti capaci di dare proprio questa libertà.
Ma non solo: da oltre 90 anni l’UICI si impegna a guidare i disabili visivi anche con il supporto dei volontari, che diventano i loro occhi, qualora specifiche leggi, sostenute dai rappresentanti di categoria, non vengano rispettate: pensiamo ad esempio ai cani guida a cui viene negato l’accesso nelle strutture pubbliche, o ai percorsi tattili resi inutilizzabili dalla presenza di ostacoli.

Ecco perché abbiamo scelto UICI:
perché costruire una realtà accessibile per i disabili visivi significa costruirne una fruibile da parte di tutti.