PRIMA TAPPA IN ARRIVO: COSA INDOSSARE?

Mancano 7 settimane alla prima tappa di Runner in vista!
Sabato 6 maggio saremo infatti a Roma, al Centro Commerciale Roma Est.
Per questo è fondamentale non farsi trovare impreparati: 5 chilometri possono sembrare pochi, ma non sottovalutate l’impegno necessario per arrivare al traguardo.
Che voi vogliate partecipare alla tappa correndo, oppure camminando, è bene arrivare preparati, anche per quanto riguarda l’abbigliamento più adatto.
L’abbigliamento perfetto non esiste, ma sappiamo che orientarsi tra gli scaffali dell’abbigliamento sportivo può scoraggiare il runner alle prime armi.
Ecco quindi alcuni consigli.

È vero che le scarpe sono lo strumento fondamentale per il runner, ma non l’unico!
Anche la scelta di pantaloncini e maglia non va messa in secondo piano.
Ricordate: comodità e praticità sono le parole chiave. Dovremo avere il maggior comfort possibile, e questo significa anche sapersi vestire seconda la stagione.

Vestiti a strati, utilizza indumenti traspiranti e traforati, prevedi un cappellino con visiera, anch’esso traspirante, o una bandana, se preferisci.
Meglio evitare di indossare gioielli.
Non sottovalutate la scelta dell’abbigliamento intimo: è importante che sia comodo e traspirante, in quanto a contatto diretto con la pelle.
Fondamentale anche il calzino: meglio evitare il cotone, che assorbe trattenendo il sudore ed aumentando il rischio di vesciche, optate piuttosto per la fibra sintetica traspirante o a doppio strato. Assolutamente sconsigliate le calze in spugna!

E le scarpe?
A questa importante scelta dedicheremo un articolo nelle prossime settimane!


DA OGGI NIENTE SCUSE!

Per chi non ha l’abitudine di farlo, ritagliarsi 30 minuti per fare una camminata può sembrare difficile: il lavoro, i figli, la spesa, le nostre giornate sono davvero piene, questo non si può negare.
Ma qualcuno dice che la prima scusa della pigrizia sia proprio dire “non ho tempo per farlo!”.
Sarebbe bene invece provare ogni giorno a dedicare un po’ di tempo al proprio benessere. Per esempio camminando.
Bastano 20-30 minuti per sentirne i benefici fisici e psichici. E non è necessario “strafare” sin da subito: iniziate con calma, anche lentamente, ma con concentrazione e costanza.
Potete provare anche a contare i passi che fate giorno dopo giorno, dandovi un obiettivo settimanale.
E la scusa del “non ho tempo” con noi non funziona! Ritagliatevi 20 minuti dalla pausa pranzo, oppure prima di iniziare la giornata lavorativa o, per chi può, andate a fare la spesa a piedi!
Vedrete: vi sentirete meglio passo dopo passo. E vi verrà voglia di fare sempre di più.

Manca più di un mese alla prima tappa di Runner in vista: per quella data sarete allenatissimi!