LEZIONE ROMANA

Tutto era iniziato a Roma, appena qualche settimana prima, e sabato 27 Runner in Vista ha fatto ritorno nella capitale per la sua quarta tappa con una bellissima giornata di sole e lo splendido scenario naturale del Parco di Forte Ardeatino. Ancora una volta è stata un’esperienza da ricordare, con più di 300 iscritti e tante storie diverse che si sono avvicendate lungo i 5 km di un percorso all’interno di una pista ciclabile sicura e inclusiva.

Ci sono stati i bambini, i più piccoli sulle spalle dei papà e più grandi sulla pista, numerose coppie di non vedenti con le loro guide, atleti che hanno tagliato il traguardo in scioltezza e coraggiosi arrivati con il fiato rotto ma tanta soddisfazione. C’è chi è arrivato camminando, ma con il sorriso, e chi era già al secondo appuntamento di Runner in Vista ma già si informava sulle tappe future. Chi ha corso con il proprio cane, chi con il proprio amico, chi con tutta la famiglia, come Maura, vicedirettrice del Centro Commerciale I Granai. C’è stato il mitico Sergio, campione del mondo master alla sua quindicesima maratona che ci ha fatto desiderare di arrivare a 81 anni con la sua energia. C’è stato un vincitore che è arrivato prima di tutti ma che al traguardo aveva solo parole di ringraziamento, gratitudine e un pensiero per chi è meno fortunato.

E poi c’è stata Chiara, a cui dobbiamo la lezione più bella di tutte, pronunciata con il filo di voce di chi ancora ha la corsa nelle gambe: perché ci ricordiamo che tutti i bambini devono poter correre, perché quando si corre ci si sente liberi. Il resto non conta.

Grazie allora a tutti quelli che hanno partecipato a questa tappa e hanno contribuito alla riuscita di una giornata speciale. Grazie all’UICI, alla podistica Forhans Team per la preziosa presenza prima e durante tutto il percorso, alla Polizia Municipale, a tutti i volontari, gli sponsor e chi ha dedicato il proprio tempo con generosità.

 

 

LEZIONE ROMANA