MA I NON VEDENTI FANNO TREKKING?

L’inverno è ormai arrivato e noi di Runner in Vista anche in questa stagione non rinunciamo alla corsa. A volte però amiamo prenderci una pausa dal rumore delle strade e saliamo di quota per godere del silenzio della montagna: in queste occasioni ci teniamo in allenamento facendo trekking!
Questa è un’attività sportiva tanto affascinante quanto faticosa.
Finire un percorso in montagna può essere difficile per una persona normodotata, la domanda quindi sorge spontanea: un non vedente può fare trekking?
La risposta viene altrettanto spontanea: SI!
Deve, però, prendere alcune misure aggiuntive.
Durante le nostre corse abbiamo imparato cosa significa essere una guida e correre fianco fianco di una persona.
In montagna accade la stessa cosa: nei sentieri più larghi si può camminare vicini prendendo come riferimento il braccio o lo zaino del compagno; quando il percorso diventa più stretto, invece, ci si appoggia allo zaino di chi è davanti. Fondamentale è il sostegno della guida che deve essere attenta a comunicare tutti i possibili ostacoli: buche, sassi, rami, anche la cosa più banale per una persona cieca può diventare pericolosa!
Come per ogni disciplina sportiva, l’importante è fare attenzione e avere spirito di condivisione.

Non ci resta che augurarvi “buona camminata!”.

Mandateci le foto dei sentieri di montagna che percorrete, le pubblicheremo sulla nostra pagina Facebook!


IL PREMIO BRAILLE 2017

E’ giunto alla sua ventiduesima edizione il Premio Louis Braille, uno degli avvenimenti più importanti per l’UICI. Quest’anno il riconoscimento è stato conferito mercoledì 20 settembre, al Teatro Brancaccio di Roma, a Fulvio Giardina, presidente del CNOP (Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi) e a Gioia Ghezzi, presidente di FSI (Ferrovie dello Stato Italiane).

Il premio, intitolato all’inventore del prezioso sistema di scrittura e lettura per non vedenti, ancora oggi più che mai attuale, viene assegnato dall’UICI a persone e istituzioni che si siano distinte per la capacità di aumentare l’inclusione sociale e culturale dei ciechi e degli ipovedenti e di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita, lavoro e studio.

Il Dott. Fulvio Giardina, si è distinto per aver consentito, grazie alla professionalità e all’esperienza dei propri iscritti, la realizzazione di progetti di sostegno psicologico rivolti alle persone cieche ed ipovedenti ed alle loro famiglie.

La Dr.ssa Gioia Ghezzi, Presidente Ferrovie dello Stato Italiane, per l’attenzione dimostrata dalle strutture del Gruppo FS verso le persone con disabilità visive e, in particolare, per la quotidiana attività di assistenza svolta con sensibilità nelle stazioni dal personale delle Sale Blu di RFI e, a bordo dei treni, dal personale di Trenitalia.

 


ESPLORA IN VACANZA

Oltre ad essere tempo di vacanze e di viaggi, l’estate è anche il momento ideale per vivere esperienze coinvolgenti come quelle proposte dal programma Esplora dell’UICI, pensato per aiutare bambini e ragazzi con disabilità a raggiungere una maggiore indipendenza attraverso attività sportive ed esplorative.

Tra le varie proposte del programma quest’anno anche un soggiorno pensato per le persone con disabilità visiva che posseggono un cane guida e per chi desidera avvicinarsi a questa realtà. Un’esperienza che offre l’opportunità di condividere e confrontarsi sulle problematiche che il team guida-padrone affronta nella vita di tutti i giorni e di approfondire la conoscenza del cane, sia come animale che nel suo ruolo di guida.

Il programma ha lo scopo di mettere in relazione gli operatori e le persone con disabilità visiva e di permettere uno scambio che parte dalla loro esperienza diretta per contribuire a migliorare l’esperienza altrui.

La cornice del comprensorio del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane del Raduno di Barcis, in provincia di Pordenone, offre gli stimoli e gli spazi idonei per socializzare in un contesto naturale ricco e accogliente. Perché la voglia di imparare, di esplorare e di migliorarsi non va in vacanza!


GRAZIE GRAVELLONA TOCE

 

Ed è arrivata anche l’ultima tappa di Runner in Vista: sabato 1 luglio il nostro tour ha raggiunto la città di Gravellona Toce e il Centro Commerciale Le Isole. E’ stata una giornata particolarmente commovente, ricca di simpatia, partecipazione e dei valori che hanno dato origine a questo meraviglioso progetto.

Un centinaio di partecipanti hanno risposto alla chiamata della solidarietà e affrontato il bellissimo percorso immerso nel verde con il sorriso dell’altruismo che ha contraddistinto in questi mesi tutti gli appuntamenti di Runner in Vista. Abbiamo camminato e corso insieme, abbiamo imparato a vedere in modo diverso, a compiere gesti concreti per chi è meno fortunato. Abbiamo scoperto persone speciali come la coppia di Belluno che ha partecipato alla tappa delle Isole e ci ha insegnato la forza del coraggio, dell’altruismo, dell’amore e il potere inclusivo dello sport.

Grazie quindi a tutti quelli che hanno partecipato e contribuito, in qualsiasi modo. Grazie al Centro Commerciale Le Isole per aver avuto il coraggio di percorrere strade nuove, grazie a Running VCO, a Vanni Besutti, ad ASD Gravellona VCO, al Comune di Gravellona Toce, alla Croce Rossa, all’UICI di Novara e a tutti i volontari presenti.

E’ stata un’esperienza indimenticabile.


I PERCORSI TATTILI PER CIECHI IN ITALIA

Il precursore dei percorsi tattilo-plantari nel mondo, e cioè le superfici in rilievo installate sul piano del calpestio per consentire ai non vedenti e ipovedenti di orientarsi, è stato probabilmente il Giappone, che è stato anche il paese in cui sono stati ufficialmente codificati.
In Italia, negli anni Novanta, a seguito di studi e sperimentazioni, sono stati depositati sei codici tattili che esprimevano sei diverse informazioni essenziali: il rettilineo, la svolta obbligata, attenzione/servizio, incrocio, pericolo valicabile e arresto/pericolo. Questi codici prendono il nome di LOGES, cioè Linea di Orientamento, Guida E Sicurezza.
Tale sistema, che veniva a riempire di contenuto pratico la normativa che imponeva di superare le barriere senso-percettive, si diffuse gradualmente, fino ad essere adottato nel primo decennio del nuovo secolo in centinaia di migliaia di luoghi e non soltanto in Italia.
Nel 2010, a seguito di alcuni rilievi mossi dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, sono state apportate alcune modifiche del sistema LOGES: è stata aumentata l’altezza e la spaziatura di alcuni profili per renderli meglio percepibili e riconoscibili, ed è stato ideato un nuovo profilo per il codice di incrocio, per renderlo immediatamente identificabile con il bastone bianco.
Ma il vero salto di qualità del nuovo sistema consiste nell’integrare nelle piastre tattili dei tag a radiofrequenza che trasmettono nell’auricolare della persona non vedente dei messaggi vocali fondamentali per fargli conoscere l’ambiente circostante e fornirgli informazioni sulla toponomastica, sui servizi pubblici e privati esistenti lungo il suo cammino e sulle loro caratteristiche, come gli orari di apertura o, trattandosi di monumenti o di musei, dandogli descrizioni anche molto approfondite e notizie di storia dell’arte. Questo sistema, oltre a garantire l’orientamento e la sicurezza, consente anche la “riconoscibilità dei luoghi”, praticamente impossibile attraverso i soli codici tattili.
In seguito a queste modifiche avvenute anche grazie al contributo dell’UICI, il nome Loges è stato integrato in “LOGES-VET-EVOLUTION”, per chiarirne la natura di evoluzione tecnologicamente avanzata.

Questo sistema di segnali e percorsi tattili integrati, nato dalla collaborazione tra UICI e l’Associazione Disabili Visivi Onlus, è stato un importante passo verso la completa accessibilità per i ciechi, ma non solo: è importante ricordarsi che un mondo accessibile alle persone non vedenti è un mondo più accessibile a tutti.


GRAZIE BERGAMO

Penultima tappa di Runner in Vista: sabato 24 giugno il nostro tour ha raggiunto la città di Bergamo e il Centro Commerciale Continente Mapello. E’ stata ancora una grande festa.

Quasi 200 partecipanti hanno contribuito a rendere una giornata stupenda ancora più speciale partecipando con cuore e gambe alla nostra raccolta fondi. Tutti si sono messi in gioco e hanno affrontato il percorso attraversando campi di grano e la bella natura circostante, ciascuno secondo il proprio ritmo e le proprie possibilità. Ha corso con noi anche Maurizio, direttore del Centro, e in tanti hanno voluto provare l’esperienza di correre al buio, con la fascia scaldacollo Runner in Vista sugli occhi, come ad esempio Ignazio, Angela e Giovanni. C’è anche chi ha corso davvero, come Giulio, fantastico runner ipovedente con quattro paraolimpiadi alle spalle e un record italiano ancora di tutto rispetto, accompagnato dalle quattro zampe di Lisa e dagli amici Rocco e Angelo. Tutti insieme, con le famiglie, i bambini, i runner, tutti insieme per un’esperienza nuova che ha colpito tutti.

Grazie quindi a tutti i presenti che hanno trascorso la mattina con noi, a chi ci ha aiutato e sostenuto: il Gruppo Podisti ARCI Mapello, Gruppo Podistico Caprino, Ipercoop Mapello, Sport Specialist, a tutti i volontari.

Grazie al Comune di Brembate di Sopra e al Comune di Mapello per il patrocinio.

 

La prossima tappa sarà l’ultima. Non perdete l’occasione di partecipare a qualcosa di speciale, vi aspettiamo.


ULTIMA TAPPA: RUNNER IN VISTA A GRAVELLONA TOCE

Sabato 1 luglio l’undicesima ed ultima tappa del tour di Runner in Vista partirà alle ore 9 dal Centro Commerciale Le Isole di Gravellona Toce. Il ritrovo per tutti, anche per il ritiro dei pettorali, è all’ingresso principale del centro nel parcheggio esterno.

Ecco alcune informazioni utili:

  • ti consigliamo di arrivare almeno 30 minuti prima dell’inizio della tappa.
  • Il percorso è di 5km da affrontare come preferisci: puoi camminare, correre, pedalare, da solo o in compagnia. Scegli tu.
  • Runner in Vista è un’esperienza aperta a tutti: runner, bambini, famiglie, vedenti e non vedenti. Potrebbe essere l’occasione per sperimentare cosa significa correre al buio o per provare ad accompagnare come guida. Approfittane.
  • Se vieni in compagnia sarà ancora più divertente, porta i tuoi amici.
  • Quando arrivi presentati presso l’area iscrizioni: se sei già iscritto online potrai ritirare subito la t-shirt brandizzata. il pettorale, lo scaldacollo per correre al buio e il laccetto per partecipare come guida.
  • Se non sei ancora iscritto potrai farlo il giorno stesso nell’area di partenza.
  • Al termine della camminata, e comunque a partire dalle 9.30, presenta il pettorale nella postazione allestita nella galleria del Centro Commerciale per ritirare il pacco gara completo di zainetto, scaldacollo e prodotti offerti dagli sponsor tecnici.
  • la manifestazione si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica.

La tappa del Centro Commerciale Le Isole è stata possibile anche grazie alla collaborazione di ASD Gravellona VCO e con il Patrocinio del Comune di Gravellona Toce.

E’ tutto pronto, vieni a concludere questa meravigliosa esperienza con noi. Corri, sostieni e dona. Ti aspettiamo!

 

 


I RUNNER E GLI OCCHIALI DA SOLE

L’estate è finalmente arrivata e, con lei, arriva il momento di scegliere un accessorio estivo fondamentale per noi runner: gli occhiali da sole.

Per chi pratica jogging è sufficiente un paio di occhiali da sole tradizionali, ma per chi invece pratica running o trail running è consigliato scegliere occhiali tecnici.
In commercio ci sono modelli per tutti i gusti, costi ed esigenze, ma è sempre meglio sceglierne un paio con alcune di queste caratteristiche che, vi assicuriamo, si riveleranno indispensabili durante gli allenamenti e le corse estive.

Ormai la maggior parte degli occhiali da sole pensati per gli sportivi, oltre a proteggere gli occhi dai raggi ultravioletti, sono realizzati con una forma tale da proteggere anche da moscerini, da vento e polvere, e dagli sbalzi tra zone d’ombra e di luce.
La montatura è preferibile sceglierla leggera, con il giusto grip per evitare scivolamenti causati dalla sudorazione e dalle oscillazioni e le lenti devono essere resistenti, antigraffio e anti-abrasione.
Alcuni occhiali hanno inoltre lenti fotocromatiche, in grado di schiarirsi o scurirsi in base all’intensità della luce, altri hanno lenti antiappannanti, molto utili perché con una montatura che permette all’aria di circolare.

In base alle tue abitudini da runner potrai sicuramente trovare l’occhiale giusto per te, ma è importante acquistarne un paio specifico per la corsa. Quelli per andare in bicicletta, per esempio, possono sembrare simili, ma ti accorgerai dopo pochi chilometri di allenamento che non hanno il giusto attrito richiesto per resistere alle oscillazioni verticali della corsa.

Ci vediamo domani, con l’occhiale giusto, in partenza dal Centro Commerciale Continente Mapello di Bergamo!


RUNNER IN VISTA FA TAPPA IN VATICANO

Mercoledì 14 giugno, Asia ha consegnato a Papa Francesco t-shirt e zainetto brandizzati

Runner in Vista fa di nuovo tappa a Roma. Lo scorso mercoledì 14 giugno, la nostra Asia ha incontrato Papa Francesco e gli ha donato la t-shirt e lo zainetto brandizzati, a nome di tutti gli enti e le associazioni che ci stanno sostenendo e accompagnando nel nostro tour.


GRAZIE POMEZIA

Il tour di Runner in Vista si sta avvicinando al termine e sabato 17 giugno ha raggiunto Pomezia, ospite del Centro Commerciale Sedici Pini. Come già a Sassari anche questa volta abbiamo risvegliato i muscoli grazie alle preziose indicazioni di Patrizia: una partenza alla grandissima!

Nonostante fosse ormai la terza tappa in Lazio, anche in questa occasione la vostra generosità e la vostra adesione sono state fantastiche: quasi 150 partecipanti che hanno camminato, corso, accompagnato, nel più autentico spirito Runner in Vista. Ci sono stati runner veloci, camminatori pazienti, famiglie, e soprattutto tante mamme di Pomezia con i loro bambini. Tutti hanno contribuito a rendere speciale l’evento, e ci siete piaciuti tanto!

Grazie quindi a tutti quelli che hanno deciso di essere presenti. La tappa dei Sedici Pini non sarebbe stata la stessa senza ASD Pomezia, Amatori Pomezia e Podistica Pomezia, gli amici di Valeas Club, le Mammme di Pomezia, l’Associazione Thyrrenum, La Casa dell’Albero, Area Comunicazione SPES, Image Sporting Club, ProLoco Roma, ProLoco Pomezia e oggiroma.it

La prossima tappa aspetta solo voi! Non mancate.